Cistite

Cistite: sintomi, cause e consigli di prevenzione

cistite

Quali sono i sintomi della cistite? Se provi una sensazione di bruciore durante la pipì, la necessità di urinare frequentemente, il senso di pesantezza sull’addome con, in alcuni casi, tracce di sangue nelle urine, potrebbe trattarsi di un problema delle vie urinarie. Il più frequente è senza dubbio la cistite.

Cos’è la cistite?

Moltissime donne, ma anche uomini, sono spesso colpite da malattie infiammatorie delle vie urinarie (vescica e uretra), chiamate cistiti e causate da microrganismi come batteri, virus e funghi. L’infiammazione più comune è quella causata da un’infezione batterica, più di rado l’agente scatenante può essere l’assunzione di farmaci oppure l’irritazione causata dai detergenti intimi.

Inoltre, in alcuni soggetti le cistiti acute possono manifestarsi a cadenza periodica e ripetuta nel tempo: in questi casi si parla di recidive.

La cistite può essere più o meno fastidiosa; tuttavia non è pericolosa per la salute, se si agisce in tempo per fermare l’infezione ed evitare che si estenda ad altri organi, come i reni.

Quali sono nel dettaglio i sintomi della cistite?

I sintomi più frequenti della cistite sono: lo stimolo e la necessità di urinare spesso e in piccole quantità, la sensazione di bruciore e pesantezza al basso ventre, all’altezza della vescica. Nei casi acuti si aggiungono perdite di sangue, dolore e febbre, urine opache e di cattivo odore.

Qual è la causa della cistite?

La cistite è dovuta a vari microrganismi: in particolare, l’Escherichia coli è l’agente patogeno riscontrato nel 90% dei casi. Il processo infiammatorio parte dall’ancoraggio dei batteri alle cellule dell’uroepitelio tramite le fimbrie, ossia delle lunghe braccia che all’estremità presentano delle proteine, dette adesine, che si legano alla mucosa vescicale impedendo l’allontanamento dei batteri.

Quali sono i rimedi contro la cistite?

Una soluzione alla cistite è l’utilizzo di sostanze attive ed efficaci nell’allontanamento dei microrganismi e dei batteri.

Una di queste sostanze è il D-Mannosio. Il D-Mannosio è uno zucchero che, dopo l’assorbimento, arriva inalterato nella vescica, dove attira i microrganismi presenti come una calamita e ne consente l’eliminazione con le urine. Per poter essere efficace, il D-Mannosio deve essere utilizzato nelle giuste quantità: chiedi sempre un consiglio al tuo farmacista

Un altro importante rimedio è il Mirtillo rosso americano, anche noto come Cranberry. Questo frutto infatti contiene le PAC-A che bloccano le braccia dei batteri impedendo loro di aggrapparsi alle pareti della vescica e facendoli scivolare via con le urine.

I nostri consigli per prevenire o curare la cistite

• Bere molto è sempre una sana abitudine, ma lo è specialmente durante una terapia contro la cistite. Una buona dose di acqua giornaliera è di circa 2 litri.

• Scegliere un detergente intimo ad azione antisettica.

• Assumere dei probiotici gastroresistenti per riequilibrare la flora intestinale e vaginale.

• Intensificare le norme igieniche abituali, specialmente durante il ciclo mestruale.

• Non trattenere l’urina per troppe ore durante la giornata e svuotare la vescica più volte al giorno.

• Indossare indumenti in cotone o tessuti naturali; evitare tessuti sintetici e troppo aderenti al corpo e alle zone intime: potrebbero favorire arrossamenti e prurito, oltre che riscaldare la zona e favorire la proliferazione dei batteri.

 

Vuoi approfondire altri temi? Consulta gli articoli del blog Consigli del Ben Essere!

Articoli
Correlati

Consigli del Ben Essere

Stitichezza

La stitichezza è un disturbo molto comune, a volte sottovalutato ma che interessa tutti: bambini, adulti e anziani. Eppure l’equilibrio

Continua »