difese-immunitarie
Difese immunitarie

La nostra forza è un sistema immunitario forte. Ma quali fattori e quali rimedi ci aiutano a mantenere efficiente il nostro sistema immunitario?

difese-immunitarie

Per mantenere un buon stato di salute è necessario mettere il nostro sistema immunitario nelle migliori condizioni per svolgere la propria funzione: in questo modo, rendiamo più difficile la vita a virus e batteri e preveniamo le patologie da raffreddamento e qualsiasi altro tipo di infezione!

Negli ultimi anni ci sono stati cambiamenti notevoli nelle abitudini delle persone. Quando ci si ammala, è necessario prendersi il tempo per fare la giusta convalescenza, ma oggi i ritmi sono sempre più veloci. La gestione familiare, poi, comporta il coinvolgimento di tutti: si ammalano adulti e bambini e questi ultimi spesso vengono spesso affidati alle cure dei nonni, i più fragili della catena.

Quali sono le conseguenze? Quando si trascurano i sintomi iniziali o già evidenti, oltre alla crescente probabilità di contagiare gli altri, si corre il rischio di avere delle complicazioni ulteriori come infezioni, bronchiti, febbre alta (dalla durata di oltre 3 giorni): tutte conseguenze che potrebbero implicare l’uso di farmaci, tempi di guarigione più lunghi, assenza dal lavoro, ecc. Si verificano, infine, probabili reazioni a catena che creano una falla del nostro sistema immunitario. 

 
Come capire se il nostro sistema immunitario ha una buona capacità difensiva?

Per capire se le naturali difese del nostro organismo sono “in forma”, il primo aspetto da valutare è quello più immediato e ovvio: se tendiamo ad ammalarci spesso o se un blando raffreddore si trasforma facilmente in qualcosa di più importante, probabilmente le nostre difese immunitarie non rispondono al meglio. 

Un esempio concreto è come reagiamo agli improvvisi sbalzi termici tipici del cambio di stagione. Molti soggetti tendono ad ammalarsi perché il sistema immunitario necessita di un tempo di adattamento al cambio di temperatura. Quando questo cambiamento avviene in modo drastico, le difese immunitarie non riescono in tempo utile a innescare la cascata di reazioni difensive e i virus, responsabili dell’80% dei raffreddamenti, avranno di conseguenza libero accesso al nostro organismo.

Cosa accade in seguito all’ingresso di virus, batteri o funghi? Nell’organismo hanno luogo numerosissime reazioni biochimiche e, così come in un conflitto, entra in gioco una difesa efficiente, che con prontezza recluta gli armamenti, composti da tante forze speciali. Il sistema immunitario avvia le sue strategie difensive, attivando le diverse forme di globuli bianchi, che assolvono tutte le loro funzioni, tra cui la produzione di anticorpi. Ciò si traduce in una risoluzione tempestiva di un eventuale raffreddamento virale, senza necessità di antibiotici.

 

Difese immunitarie efficienti: quali sono i segnali più evidenti?

Energia, concentrazione e assenza di cali di memoria. 

• Minore sensibilizzazione agli alimenti e reazioni allergiche meno violente.

Sonno sereno e senza alterazioni.

Un apparato digerente senza infiammazioni o disturbi come stipsi, diarrea, gastrite e gonfiore addominale.

 

È comune ammalarsi durante la stagione invernale?

È molto difficile stimare la percentuale di persone con un sistema immunitario efficiente, perché le variabili sono numerose. Nell’ambito dei malanni stagionali, però, possono essere identificate alcune tendenze: un adulto può ammalarsi 2-4 volte all’anno, mentre i ragazzi in età scolare anche fino alle 12 volte all’anno circa!

 

Quali sono i fattori che ci aiutano a preservare un buon sistema immunitario?

In generale, per stimolare il lavoro del nostro sistema immunitario, le scelte alimentari adeguate e uno stile di vita corretto hanno un ruolo fondamentale. In particolare, questi due importanti fattori di benessere ci aiutano a ridurre lo stato di infiammazione cronica che contribuisce a una riduzione delle difese dell’organismo. Cosa ci permette di ridurre lo stato infiammatorio?

Limitare l’eccesso di zuccheri dalla dieta, compresi fruttosio, alcool ed edulcoranti.

Un’alimentazione ben variata nelle fonti proteiche, nei carboidrati, nei grassi e nella frutta e verdura assunti. Quindi non consumare sempre gli stessi cibi e le stesse materie prime: può essere utile per ridurre le sensibilizzazioni alimentari soggettive.

Ridurre il sovrappeso.

Cercare di modulare le stimolazioni nervose in seguito a una condizione di stress protratto, con estratti naturali e facendo movimento. 

 

Preveniamo l’antibiotico resistenza!

Per promuovere le nostre difese e i loro compiti, ci sono aspetti fondamentali da considerare che riguardano non solo lo stile di vita ma anche il buon senso, come la prevenzione dell’antibiotico resistenza. Di cosa si tratta? A causa di usi eccessivi e impropri degli antibiotici, questi divengono inefficaci o efficaci solo ad alte dosi. Inoltre ciò comporta l’alterazione del microbiota intestinale: l’antibiotico, assunto per annientare i batteri per un’infezione in corso, come tale eliminerà anche i batteri benefici presenti nella nostra flora batterica intestinale. In che modo può essere sfavorita l’antibiotico-resistenza?

Ridurre l’uso di antibiotici, limitando il loro utilizzo alle sole situazioni che ne richiedano la necessità, valutate con il proprio medico.

• Nel caso si renda necessaria la somministrazione di antibiotici, concludere correttamente la terapia e non seguirla in modo parziale, interrompendola alle prime avvisaglie di miglioramento.

Evitare l’automedicazione: sempre più persone ricorrono all’utilizzo dell’antibiotico rimasto nel cassetto, senza prima avere un nuovo consulto medico.

 

Quali rimedi naturali ci aiutano a mantenere efficiente il nostro sistema immunitario?

Un aiuto essenziale per il nostro sistema immunitario è quello di evitare che il virus o il batterio entrato nel naso e nella gola possa aumentare la sua presenza. Per questo, sono altamente consigliati i lavaggi nasali con acqua di mare, antisettici e mucolitici naturali come l’estratto di semi di pompelmo. Con l’utilizzo di questi prodotti, possiamo supportare una rimozione meccanica di virus o batteri, al momento del loro ingresso; aspettare significa, invece, favorirne la moltiplicazione e quindi avere maggiore probabilità di ammalarci. 

In associazione potremo avvalerci delle numerose sinergie vegetali utili a tal scopo:

• La micoterapia orientale, ovvero l’utilizzo di Estratto di funghi giapponesi come Reishi e Shiitake. Sono rimedi definiti adattogeni, utili a ripristinare l’equilibrio dell’organismo, contribuendo a migliorarne la resistenza e la capacità di gestire lo stress psicofisico. Hanno inoltre funzioni antinfettive, antinfiammatorie e immunomodulanti.

Olio essenziale di Manuka: si estrae dalle foglie della pianta e ha un’azione immunomodulante, migliorando la risposta immunitaria dell’organismo. Inoltre questo olio è utile per contrastare da subito l’ingresso di virus e batteri, in quanto vanta proprietà antinfiammatorie, antisettiche, antibiotiche, germicide, battericide. 

Echinacea: utilizzata nella prevenzione di raffreddamenti e della sindrome influenzale. 

Vitamina C: un vero e proprio antinfiammatorio naturale, utile per contrastare efficacemente il virus dell’influenza, sia in termini di prevenzione che di una rapida guarigione.

Probiotici: da assumere a cicli, agiscono a garanzia dell’equilibrio del microbiota intestinale e promuovono la produzione di vitamine del gruppo B, coinvolte nel rafforzamento del sistema immunitario. 

Gli Omega 3: alleati del sistema immunitario, grazie alla loro funzione antinfiammatoria.

 
I nostri consigli

Inserire nella dieta 5 porzioni di verdura e frutta giornaliere, essenziali per garantire la giusta quantità e varietà di micronutrienti come vitamine, minerali, fibre e antiossidanti.

Avere un’alimentazione “colorata”! Nella stagione invernale, troviamo i cibi di colore viola e rosso come le barbabietole, le arance rosse e il melograno, che contengono antocianine, potenti antiossidanti; i cibi arancioni come zucca, carota e arancia bionda sono ricchi di carotenoidi, precursori della vitamina A, a protezione dell’apparato respiratorio.

Inserire nella dieta fonti di fibre, come frutta, verdure, cereali integrali, legumi e frutta secca. Le fibre, oltre a inglobare ed eliminare scorie e sostanze potenzialmente dannose presenti nell’intestino, sono indispensabili per l’equilibrio della flora batterica buona. 

Un equilibrato apporto di Proteine è indispensabile non solo per il tono muscolare ma anche per il sistema immunitario. Infatti, la produzione e la rigenerazione degli anticorpi e delle cellule del sistema immunitario viene favorita dall’introduzione di proteine con una dieta equilibrata.

Assumere semi e frutta oleosa come noci, semi di canapa, lino, nel pesce azzurro, salmone selvaggio: tutti alimenti consigliati per avere un buon apporto di Omega 3.

• Un altro fattore spesso dimenticato è l’idratazione: bere almeno 1,5-2 litri d’acqua al giorno. La disidratazione rallenta tutte le funzioni dell’organismo comprese quelle di difesa. Per aiutarsi nell’idratazione, nella stagione più fredda si possono preparare delle tisane calde: quella con succo di limone e radice di zenzero fresco è ottima sia calda che fredda e contiene vitamina C.

• Parlando di stile di vita, non possiamo dimenticare il ruolo del movimento: lo sport praticato con regolarità potenzia la capacità antinfiammatoria dell’organismo e provoca una reazione di immunomodulazione spontanea. È sufficiente andare a camminare all’aperto e a passo svelto con regolarità: con 3 uscite settimanali da 50-60 minuti avremo confezionato uno dei migliori integratori esistenti!

 

Vuoi approfondire altri temi? Consulta gli articoli del blog Consigli del Ben Essere

Articoli
Correlati

Consigli del Ben Essere

Traumi e contusioni

L’attività fisica deve essere proporzionata all’età e allo stato fisico, per evitare infiammazioni e infortuni L’attività fisica – a partire

Continua »
geloni
Consigli del Ben Essere

Geloni

Un disturbo molto comune e tipico dei mesi più freddi, causato dai repentini sbalzi di temperatura Con l’arrivo dell’inverno, la

Continua »
Consigli del Ben Essere

Benessere della gola

Nei mesi invernali, i disturbi correlati alla mucosa della gola sono molto frequenti, quindi è salutare sia fare una buona

Continua »